Autenticazione con Password

Nel comune concepire il termine password, questo è oramai associato ad un concetto di sicurezza. Se password è uguale a sicurezza, non sempre è corretto definire una password sicura.
Esistono infatti diversi gruppi di password, ognuno con un grado di sicurezza:

  • parole comuni: ne fanno parte termini comuni, nomi di persone, nomi di oggetti, nomi di animali. Sono le più facili da ricordare da parte dell'utente ma altresì le più vulnerabili (es. cane, mamma, poltrona, giovane, Antonio);
  • parole comuni con numeri: ne fanno parte termini comuni a cui sono stati aggiunti numeri, prima o dopo, per rafforzarne la sicurezza (es. marco1958, 2569utensile);
  • parole comuni camuffate: ne fanno parte quei termini comuni cui vengono sostituite alcune lettere con numeri e/o caratteri (es. 4d0r4r3, f3d3r1c0);
  • parole a lettere, numeri e simboli casuali: ne fanno parte quei termini che non hanno senso compiuto e sono composti da lettere, numeri e simboli in ordine sparso. Sono le password meno vulnerabili, per contro le più difficili da ricordare (es. n:H6D6i^7NrNm, V_7xcLL?+$5fe);
  • multi-parole: è la concatenzione di più parole di senso compiuto, relativamente facili da ricordare e tecnicamente difficili da scovare (es. straniero-peso-grande-vicino).

Un parametro che influisce sulla sicurezza della password è la sua lunghezza: password con almeno 10/12 caratteri alfanumerici sono da considerarsi valide e con un grado di sicurezza accettabile.

Le nostre password

Password Sicura usa due modalità: